Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

cambiamenti climatici foto european union min

 

Cambiamenti climatici e agricoltura: quale futuro?

 

Sabato 28 ottobre al Forte di Bard, in Valle d’Aosta, esperti e studiosi si confrontano. La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria

 

I cambiamenti climatici e le relative conseguenze, a volte tragiche, sono ormai quasi quotidianamente sotto gli occhi di tutti. Gli effetti ricadono anche sull’agricoltura e possono condizionare in modo determinate il nostro futuro.

Sabato 28 ottobre 2017, il Forte di Bard, dedica l’ottava edizione di MeteoLab, l’incontro scientifico organizzato in collaborazione con la Società Meteorologica Italiana e Equipe Arc-en-Ciel, proprio a questo tema: “Meteorologia e Agricoltura. Cambiamenti climatici: quale futuro per le coltivazioni?”.

L’agricoltura e la produzione di cibo sono legate a doppio filo al clima e ai suoi cambiamenti: da un lato soffrono gli effetti del riscaldamento globale e dei crescenti fenomeni atmosferici estremi, dall’altro sono esse stesse causa di circa un quinto delle emissioni mondiali di gas a effetto serra. Studiosi e appassionati si confronteranno su quali scenari attenderci per il futuro e come l’agricoltura potrà adattarvisi, partendo dall'esempio di una regione alpina come la Valle d’Aosta. 

All’incontro interverranno Luca Mercalli, presidente della Società Meteorologica Italiana, Corrado Adamo, dirigente della Struttura Produzioni vegetali e Servizi fitosanitari dell’Assessorato Agricoltura e Risorse naturali della Regione Valle d’Aosta, Michele Freppaz, docente dell’Università degli Studi di Torino, Edoardo Cremonese, dell’area operativa Cambiamenti Climatici dell’Arpa Valle d’Aosta, Odoardo Zecca, coordinatore del settore Viticoltura, ricercatore e insegnante dell’Institut Agricole Régional, Diego Bovard e Stefano Carletto, titolari di aziende agricole, Federico Spanna, presidente dell’Associazione Italiana di Agrometeorologia, Gabriele Dono, presidente del corso di Laurea Triennale in Scienze Agrarie e Ambientali dell’Università degli Studi della Tuscia.

I lavori avranno inizio a partire dalle ore 9.30, nella sala conferenze Olivero. La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria: tel. 0125 833816 oppure via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Il Forte di Bard è situato all’imbocco della Valle d’Aosta, a 48 km da Aosta e 78 km da Torino, a metà strada tra Milano e Ginevra. È accessibile in auto dalla S.S. 26 della Valle d'Aosta e con l’autostrada A5, con uscita ai caselli di Pont-Saint-Martin a sud e di Verrès a nord, rispettivamente a 6 e 9 km di distanza.

 

PROGRAMMA

ore 9.30 – Accoglienza e registrazione dei partecipanti

ore 10.00 – Apertura dei lavori

ore 10.15 – Luca Mercalli, presidente della Società Meteorologica Italiana

Clima, agricoltura e cibo: un doppio legame. (In)sostenibilità dal campo al piatto

ore 11.30 – Corrado Adamo, dirigente della Struttura Produzioni vegetali e Servizi fitosanitari presso l’Assessorato Agricoltura e Risorse naturali della Regione Autonoma Valle d’Aosta

Variazioni climatiche: conseguenze sulle produzioni e sulla popolazione dei patogeni, prime considerazioni

ore 12.00 - Michele Freppaz, docente presso l’Università degli Studi di Torino

Effetti del cambiamento climatico sulle caratteristiche dei suoli montani

Ore 12.30 – Edoardo Cremonese, area operativa Cambiamenti Climatici presso Arpa Valle d’Aosta e Odoardo Zecca, Coordinatore del settore Viticoltura, ricercatore e insegnante presso l’Institut Agricole Régional

Cambiamento climatico e agricoltura di montagna: la collaborazione tra l’Institut Agricole Régional e Arpa Valle d’Aosta

 

ore 13.00 – Pranzo e tempo libero

 

ore 14:30 - Diego Bovard, Azienda Agricola La Branche di Morgex e Stefano Carletto, Azienda Agricola SteLo “SafrandeCly”

Coltivare zafferano in Valle d’Aosta è possibile?

ore 15:00 – Federico Spanna, Presidente dell’Associazione Italiana di Agrometeorologia (AIAM)

Effetti del cambiamento climatico sull’agroecosistema: azioni e reazioni

ore 15:30 – Gabriele Dono. Presidente del Corso di Laurea Triennale in Scienze Agrarie e Ambientali – Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali Università degli Studi della Tuscia

Cambiamenti climatici e agricoltura italiana: valutazione degli impatti e possibilità di adattamento

 

ore 16:00 – Conclusione e dibattito

ore 16:30 - Consegna attestati di partecipazione

DONT MISS

Seguici sui social

 

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità dal mondo della floricoltura

iscriviti