Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

Vespa velutina calabrone asiatico killer cinese 

Api: torna allarme Vespa velutina

 

Il calabrone killer delle nostre api invade il Nord Italia: CREA, CNR, Università e apicoltori uniti per contenere il nuovo focolaio del predatore asiatico

 

Si chiama Vespa velutina, o calabrone asiatico, ed è un pericoloso insetto alieno, predatore di api e altri impollinatori, che dopo avere colonizzato nel 2012 la Liguria di ponente e il Piemonte meridionale e centrale (province di Cuneo e Torino) si sta ora spingendo verso il Veneto (provincia di Rovigo), la Lombardia e l’Emilia.

Comparsa in Europa per la prima volta nel 2004 in Francia, questo calabrone ha provocato la perdita del 50% degli alveari avanzando di 100 km all’anno. Oltre a cacciare direttamente le api all’ingresso dell’arnia, il predatore impedisce loro di uscire per raccogliere nettare e polline, indebolendo in questo modo le colonie.

Per arginare la sua diffusione in Italia è stata creata la rete scientifica "StopVelutina", coordinata dal CREA e comprendente CNR, Università di Firenze, Università di Pisa e gli apicoltori di Apiliguria. «Purtroppo ora è tardi per mettere in piedi una squadra che individui ed eradichi i nidi – ha spiegato Laura Bortolotti, entomologa del CREA e coordinatrice di StopVelutina. – In questa stagione, infatti, i nidi sono già spopolati e le regine di velutina, fecondate dai maschi, stanno iniziando il periodo di svernamento in attesa di fondare una nuova colonia. A primavera la popolazione di calabroni potrebbe aumentare esponenzialmente».

In accordo con la Regione Veneto e con quelle limitrofe, i ricercatori del CREA si coordineranno con gli apicoltori, le associazioni e i rappresentati degli enti competenti al fine di delineare insieme una strategia per tentare di eradicare o quantomeno contenere questo nuovo focolaio della Vespa velutina durante la prossima primavera. In quest’ottica è sempre più urgente il finanziamento di una rete di monitoraggio scientifica, composta da alveari sentinella, in grado di intercettare l’avanzata di questo e altri parassiti. La rete preesistente, grazie ai progetti BEENET e VELUTINA, non è stata più finanziata e oggi è basata solo sul volontariato degli apicoltori. «Occorre dunque», conclude Bortolotti, «proseguire e incrementare le reti regionali già avviate nelle regioni finora considerate indenni, come Toscana, Emilia Romagna e Lombardia, e ampliarle al Veneto e a tutto il Nord Italia».

 

APPROFONDIMENTI

Come identificare correttamente la Vespa velutina

 

PER SAPERNE DI+

www.stopvelutina.it

 


 

ARTICOLI CORRELATI

Formazione: al via un corso per “MASTRO APICOLTORE”

Api in città, una risorsa da tutelare

DONT MISS

Seguici sui social

 

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità dal mondo della floricoltura

iscriviti