Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

xylella Philaenus spumarius

 Philaenus spumarius, insetto vettore di Xylella fastidiosa noto anche come "Sputacchina" [Foto: Charlesjsharp]

 

Parassiti delle piante: dall’UE in arrivo

nuove regole per l’import

 

Dopo il caso Xylella, primo sì della Commissione agricoltura a un pacchetto di misure che punta sulla prevenzione, la capacità di allerta e il coordinamento fra gli Stati membri

 

Con 35 voti a favore, quattro contrari e quattro astensioni, la Commissione agricoltura e sviluppo rurale dell’Europarlamento ha dato il via libera a una serie di nuove norme per contrastare la diffusione dei parassiti delle piante.

Fra le misure previste: monitoraggi, piani di emergenza, campagne di sensibilizzazione, notifica e eradicazione dei parassiti, estensione del “certificato di salute” a tutte le piante prodotte da Paesi terzi. Questo obbligo è esteso a ogni categoria: operatori professionisti, servizi postali, clienti via Internet e passeggeri. Solo i viaggiatori che importano piccole quantità di piante particolari saranno esentati dall’obbligo del certificato.

Anche il passaporto delle piante sarà esteso a tutti i movimenti all’interno dell’UE, fatta eccezione solo per i giardinieri “casalinghi”. Ora il testo dovrà essere approvato formalmente anche dal Consiglio Ue per poi tornare in Commissione agricoltura. Successivamente approderà all’assemblea plenaria del Parlamento Europeo per l’approvazione definitiva.

 

 


DONT MISS

Seguici sui social

 

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità dal mondo della floricoltura

iscriviti