Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

Codici doganali: scarica la nuova Guida 

 

tir camion

 

I nuovi codici doganali del capitolo 6 (Alberi vivi e altre piante; Bulbi, radici e simili; Fiori recisi e fogliame ornamentale), in vigore dal 1° Gennaio 2016, sono stati presentati alla Commissione Europea dal Ministero delle Politiche Agricole, coadiuvato da Ismea, Agenzia delle Dogane e Istat, su richiesta del Tavolo tecnico di Filiera del Florovivaismo.

Con il nuovo sistema sarà possibile verificare con maggior esattezza i flussi di fiori (con l'introduzione del ranuncolo), di piante suddivisi tra piante da frutto, Citrus, sempreverdi e latifoglie e di queste individuare anche la distinzione tra radice nuda e contenitore/zolla. Inoltre, sempre per avere migliori informazioni per l'analisi degli scambi commerciali di prodotti vegetali, dovrà altresì essere indicato il numero di unità anziché il peso delle piante, alberi e arbusti (escluso il codice 06029050 "Altre piante da esterno" per il quale si utilizza solo il peso), nonché del ranuncolo (codice 06031920) e degli altri fiori (codice 06031970).

Al seguente link è possibile prendere visione dell'intero documento in tutte le lingue ufficiali dell'UE http://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/?uri=OJ:L:2015:285:TOC (pag. 87) e come indicato nel punto 1 delle note della Sezione II del suindicato Regolamento "...questo capitolo comprende unicamente le merci (comprese le pianticelle di ortaggi) fornite abitualmente dagli orticoltori, vivaisti e floricoltori, per la piantagione o l'ornamento. Tuttavia, sono esclusi da questo capitolo: le patate, le cipolle, gli scalogni, gli agli e gli altri prodotti del capitolo 7".

Ciò significa che l'utilizzo dei nuovi codici doganali e l'indicazione del numero dei pezzi è obbligatorio per tutte le categorie suindicate a partire dal 1° gennaio 2016.

La presente guida su iniziativa del Mipaaf, in attesa della documentazione ufficiale da parte della Commissione Europea, è rivolta a tutti i produttori residenti negli Stati membri ed è stata predisposta con la collaborazione tra ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), ANVE (Associazione Nazionale Vivaisti Esportatori) ed ENA (European Nurserystock Association) - con il parere positivo anche della Agenzia delle Dogane -, per dare suggerimenti su come classificare e inserire i prodotti vegetali nel codice doganale appropriato.

 

SCARICA QUI LA GUIDA pdf 

 

 

DONT MISS

Seguici sui social

 

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità dal mondo della floricoltura

iscriviti