Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

benefici alberi cover

 

Più alberi, meno morti

 

«Quando la soluzione è semplice, Dio sta rispondendo». Lo diceva Einstein e sembra ribadirlo il nuovo studio condotto da The Nature Conservancy intitolato “Più alberi per un’aria più sana”

 

È davvero difficile non scomodare il mito di Albert Einstein e la sua celebre frase “Quando la soluzione è semplice, Dio sta rispondendo” di fronte alla ricetta presentata dalla ong internazionale The Nature Conservancy al meeting annuale dell’American Public Health Association, a Denver (Colorado): per salvare la vita a milioni di persone minacciati dall’inquinamento e dalle ondate di calore nei prossimi anni basta piantare alberi nelle grandi città, con una spesa di appena 4 dollari per abitante. Lo studio intitolato “Più alberi per un’aria più sana”, durato 18 mesi, è stato condotto in collaborazione con il C40 Cities Climate Leadership Group coinvolgendo 245 città che contano circa 910 milioni di persone, circa un quarto della popolazione urbana mondiale.

I ricercatori hanno preso in esame l’impatto che avrebbe un aumento della copertura arborea su larga scala, misurando il relativo ritorno sugli investimenti (Roi) in termini di riduzione del PM o mitigazione della temperatura fornita agli abitanti per ogni dollaro speso.

Secondo quanto emerso, gli alberi possono eliminare fino a un quarto dell’inquinamento e, se piantati nei punti giusti, filtrare l’aria nociva e proteggere gli abitanti. Possono inoltre rinfrescare l’aria nelle immediate vicinanze di almeno 2 °C. Ne consegue che un investimento globale annuo di 100 milioni di dollari nella piantumazione di alberi sarebbe in grado di offrire città più fresche a 77 milioni di persone e riduzioni misurabili dell’inquinamento da particolato a 68 milioni di persone.

Si stima che ogni anno nel mondo oltre 3 milioni di persone muoiono a causa degli effetti del particolato, un numero che secondo gli esperti è destinato a raddoppiare nei prossimi decenni se non si prenderanno adeguate misure. Entro il 2050 si calcola infatti che, senza misure adeguate, i morti saranno 6,2 milioni.

Le ondate di calore invece sono già responsabili di circa 12.000 decessi ogni anno, anche questo un fattore di rischio in continuo aumento a seguito dei cambiamenti climatici in corso. Secondo le proiezioni l’impatto potrebbe aumentare fino a provocare quasi 250 mila morti ogni anno entro il 2050.

Le conclusioni a cui è giunta la ricerca dell’ong The Nature Conservancy non si discostano da quelle emerse la scorsa settimana durante il Forum “Il valore del verde - Etica, salute, economia” svoltosi a Milano: per favorire l’assorbimento degli inquinanti atmosferici, per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici, per riqualificare le nostre città e le nostre abitazioni e più in generale per migliorare la qualità della vita di noi tutti ABBIAMO BISOGNO DI PIÙ VERDE.

DONT MISS

Seguici sui social

 

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità dal mondo della floricoltura

iscriviti