Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 


piante-da-orto

 

AIAB lancia il progetto “Rincomincio dal bio”

per ragazzi e ragazze sottoposti a misure penali

 

L'iniziativa mira a creare curiosità e interesse per la cura

delle piante e trasferire, nello stesso tempo, le competenze

di base che potranno garantire un futuro inserimento

lavorativo, grazie alla rete creata dal progetto tra istituzioni penitenziarie e realtà professionali

      

22 Aprile 2013 - Niente banchi di scuola, ma lezioni sul “campo” per i ragazzi degli Istituti penitenziari minorili di sei regioni italiane che, in questi giorni, stanno iniziando corsi di orticoltura biologica. L’attività formativa è contestuale alla realizzazione di orti biologici all’interno degli Istituti, in cui i ragazzi coltiveranno varietà antiche e autoctone per valorizzare la biodiversità e le produzioni tipiche dei territori. Ad essere coinvolti saranno circa 70 ragazzi e ragazze degli istituti di Palermo, Roma, Pontremoli (MC), L’Aquila, Airola (BN) e la comunità Borgo Amigò di Roma, due classi di età: i “minori” tra i 14 e i 18 anni e “giovani adulti” tra i 18 e i 21, detenuti negli Istituti penali per minorenni e in esecuzione penale esterna al carcere.

Il carattere esperienziale della didattica mira a creare curiosità e interesse per la cura delle piante e trasferire, nello stesso tempo, le competenze di base dell’orticoltura biologica. Saranno queste conoscenze che potranno garantire loro un futuro inserimento lavorativo in aziende agricole grazie alla rete creata dal progetto tra istituzioni penitenziarie e realtà professionali.

L’iniziativa rientra nel progetto di AIAB (Associazione Italiana per l'Agricoltura Biologica) “Ricomincio dal Bio” che coinvolge giovani minori sottoposti a misure penali, presenti negli istituti o affidati a servizi sociali. Il progetto si propone, tramite la pratica dell’orticoltura biologica e grazie all’apprendimento sul campo e l’affidamento di precise responsabilità nella cura delle piante, di offrire ai ragazzi un’opportunità in più di formazione, responsabilizzazione e reinserimento sociale.

 

[Fonte: AIOL]

 


ilfloricultoreanimato201207


DONT MISS