Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

Banner_alto_1

Drosera capensis min

 Particolare della foglia di Drosera capensis, una delle più comuni piante carnivore. La punta ripiegata nasconde la preda.

 

Dallo studio delle piante carnivore nuovi materiali per la robotica leggera

 

Si chiama biomimetica, è una branca della tecnologia ispirata dalla natura. Soluzioni innovative “copiate” da un fenomeno biologico, come il caso dei metamateriali creati da ricercatori dell’Università degli Studi di Milano

 

Già Darwin aveva osservato che le foglie della pianta carnivora Drosera capensis si ripiegano lentamente intorno agli insetti intrappolati sulla loro superficie appiccicosa per garantirne la digestione. Ora un team di studiosi dell’Università degli Studi di Milano ha analizzato il meccanismo di chiusura, scoprendo che è già codificata nell’architettura cellulare delle foglie stesse. Grazie a ciò, esse sono in grado di convertire un segnale biochimico in una risposta meccanica.

Combinando studi di biofisica, accurate analisi e simulazioni al computer, i ricercatori sono riusciti anche a creare un metamateriale che racchiude tutte le proprietà biologiche osservati nella pianta. Lo studio è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista dell’Accademia Nazionale delle Scienze americana (Pnas) e selezionato per la copertina.

«È stata una sfida incredibile», ha commentato Caterina La Porta, professoressa di Patologia Generale al Dipartimento di scienze e politiche ambientali dell’Università degli Studi di Milano e ideatrice e coordinatrice della ricerca, «che mi ha aiutato a capire meglio come la natura combina proprietà meccaniche e biochimica per raggiungere i suoi obiettivi».

I nuovi metamateriali, cioè materiali artificiali dotati di proprietà in genere non presenti in natura, aprono territori inesplorati. «Per esempio», spiega Stefano Zapperi, professore di Fisica Teorica al Dipartimento di Fisica dell’Università degli Studi di Milano e secondo coordinatore dello studio, «potrebbero venire utilizzati come componenti nella cosiddetta “soft robotics"».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


 


 

  LEGGI ANCHE    

 

alberi lampioni Foto copyright Alexei Korshunov shutterstock 1238622997 minAlberi: luci artificiali nemiche della buona notte

 

 


 

benefici piante indoor foto copyright Foto Thejoyofplants.co.uk minCase più sicure con le piante detective

 

 


 

taxus hampton court foto copyright nunziata il floricultore minDal regno vegetale l’evoluzione dei farmaci antitumorali

DONT MISS

Seguici sui social

     

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità dal mondo della floricoltura

iscriviti