Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

pisa verde foto Luca Aless min

 

Pisa: piantare alberi per mettere radici

 

La città toscana sta lavorando al piano strategico del verde con l’obiettivo di farne un elemento cardine della programmazione urbanistica

 

S’intitola “Pisa. Piantare alberi per mettere radici – Città resilienti e infrastrutture verdi” il volume che riassume le politiche per il verde messe a punto dalla città toscana ed è stato presentato la scorsa settimana nel corso di un convegno agli Arsenali.;

In tale occasione l’amministrazione pisana ha incontrato i rappresentanti di tutti i Consigli territoriali di partecipazione e delle associazioni ambientaliste per fare il punto della situazione sulla realizzazione del masterplan del verde.;

«Il nostro obiettivo», ha spiegato il vicesindaco Paolo Ghezzi, «è far diventare lo sviluppo del verde un elemento centrale della pianificazione urbanistica. Il piano strategico del verde verrà presentato in Giunta per diventare uno strumento base di pianificazione urbanistica per lo sviluppo futuro della città, portando a compimento un lavoro lungo 10 anni. E Pisa sarà la prima città in Italia a dotarsi di questo fondamentale strumento di programmazione».;

Il programma di rigenerazione del patrimonio verde della città passa dal censimento, indagini fitosanitarie e puntuali interventi di manutenzione per giungere fino al masterplan e alla presentazione del piano delle infrastrutture verdi.;

«L’Università di Pisa – ha aggiunto il dirigente al Verde pubblico Fabio Daole – ha aggiornato il censimento del patrimonio arboreo che ad oggi conta 18.074 piante, includendo anche le piante all’interno dei giardini scolastici. Nel 2017 sono stati 411 gli alberi abbattuti in quanto malati o a rischio di caduta e sono stati 411 quelli ripiantati. Per il 2018 sono 207 quelli da rimuovere e 250 quelli che saranno sostituiti».

Sul sito web del Comune di Pisa si trova la documentazione che spiega tutte le azioni fatte finora e il programma per i prossimi anni.

DONT MISS

Seguici sui social

 

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità dal mondo della floricoltura

iscriviti