Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

italia alberi 02 min

 

Mai stati tanto al verde,

ecco come cambia il nostro Paese

 

In aumento la superficie forestale e il numero degli alberi, diminuiscono aree agricole, pascoli e prati. È la fotografia scattata dal primo rapporto Ispra “Territorio. Processi e trasformazioni in Italia”

 

Sorprende, ma nemmeno tanto l’immagine del territorio italiano fornita dall’Ispra nel primo rapporto “Territorio. Processi e trasformazioni in Italia”. Se è vero che da un lato siamo bombardati dagli appelli degli ecologisti e di tante associazioni che invocano più verde, è altrettanto evidente – almeno a chi viaggia – il fenomeno di spopolamento di ampie zone interne d’Italia e la conseguente rinaturalizzazione di vaste fette di territorio.

Così, dove un tempo c’erano pascoli, frutteti e altre coltivazioni, oggi è tornato il bosco. Sulle Alpi e ancora di più lungo gli Appennini è un processo evidentissimo. Ora arrivano i dati a confermare le sensazioni: in soli 5 anni (2012- 2017) gli alberi sono cresciuti del 4,7% arrivando ad occupare circa 14 milioni di ettari. A favorire l’avanzata del bosco – che oggi interessa il 40% del territorio e nelle zone montane arriva a coprire complessivamente il 65% del territorio – è proprio lo stato di abbandono delle aree agricole.

Le regioni con la più alta copertura arborea sono Liguria (80,7%), Calabria (67%) e Toscana (60,8%), nel conteggio sono però inclusi anche frutteti, uliveti, arboricoltura da legno e alberi in ambiente urbano.

Cresce dunque in Italia la quantità di verde, ma non per tutti. Il fenomeno si concentra nelle zone marginali del Paese e trascura invece le città dove, come si evince dal Rapporto Ispra, a salire sono i valori di copertura artificiale.

A vantare la maggiore percentuale di territorio ricoperto da alberi tra i centri urbani è Reggio Calabria con il 54,5%, seguita da Genova (54%) e Messina (49,9%). Roma si attesta al 21, 7%, mentre Milano si ferma al 10,7%. Il capoluogo lombardo si è imposto di recente all’attenzione della cronaca per i suoi progetti di forestazione urbana, ma scorrendo questi dati pare evidente che resta ancora molta strada da fare.

DONT MISS

Seguici sui social

     

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità dal mondo della floricoltura

iscriviti