Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

napoli premio greencare Riccardo Motti direttore dellOrto Botanico di Portici premia Emanuele Franculli min

Da sinistra: Riccardo Motti, direttore dell'Orto Botanico di Portici, premia Emanuele Franculli

 

NAPOLI - Premio GreenCare 2108

a Sergio Costa ed Emanuele Franculli

 

Oltre che all'attuale Ministro dell'Ambiente e al Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Napoli, riconoscimenti a tutti coloro che si sono impegnati nella cura del verde urbano partenopeo, tra cui 20 insegnanti delle scuole primarie

 

La terza edizione del "Premio GreenCare. Alla ricerca del verde perduto", istituito dall’omonima associazione fondata e presieduta da Benedetta de Falco, ha assegnato riconoscimenti speciali al Comandante del Gruppo Carabinieri Forestale della Campania, oggi Ministro dell’Ambiente, generale Sergio Costa, e al Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Napoli, Emanuele Franculli. Il primo, già noto per il suo impegno nell’inchiesta sullo smaltimento illecito di rifiuti tossici tra Caserta e Napoli, la cosiddetta Terra dei fuochi, è stato premiato per le indagini relative agli incendi della scorsa estate nel Parco Nazionale del Vesuvio che hanno permesso di individuare gli autori dei roghi. Il secondo è stato insignito per l’attività di spegnimento degli stessi incendi divampati nell’area protetta.

Durante la cerimonia svoltasi lunedì 18 giugno presso la sede dell’Unione Industriali di Napoli, sono stati assegnati numerosi altri premi a chi si è contraddistinto nella cura del verde urbano all’interna dell’area metropolitana partenopea.

Il GreenCare 2018 per la cura del verde pubblico è andato ex aequo (2.500 Euro ciascuno) al Parco Corto Maltese di Scampia, gestito dall’Associazione I Pollici Verdi, e al Giardino del Liceo Brunelleschi di Afragola.

Al Parco Archeologico di Pompei il premio “Arte contemporanea inserita nel verde”, per le installazioni di Igor Mitoraj e di Angelo Casciello.

Per la cura del verde privato il riconoscimento è andato al giardino di Villa Di Donato (San Carlo all’Arena) e alla Vigna San Martino al Vomero, gestita dall’associazione Piedi per la Terra.

Per la categoria “Ente impegnato nel verde”, riconoscimento (1.000 Euro) a "Sii turista della tua città", gruppo di giovani volontari che si sta distinguendo in azioni di giardinaggio in molti quartieri di Napoli.

Quest’anno per la prima volta sono state premiate le “Sentinelle GreenCare”, 20 insegnanti delle Scuole primarie di Mugnano, Quarto, Acerra, Fuorigrotta, Quartieri Spagnoli, Scampia, Istituto Penale Minorile di Nisida, che hanno sviluppato il tema green, lavorando con il libro “Dalla parte del vento” (Giovanni Calvino, L’Isola dei Ragazzi), stampato dall’associazione Premio GreenCare e donato a duemila bambini.

 

napoli premio greencare Benedetta de Falco ideatrice e presidente del Premio GreenCare min

Benedetta de Falco, ideatrice e presidente del Premio GreenCare

 

Infine, sono stati conferiti Attestati di merito, tra gli altri, a Nunzia Petrecca di Euphorbia per il dono di alcuni alberi al Quartiere Sanità; a Inward - Osservatorio sulla creatività urbana per il murale a Ponticelli “Il fiore più felice”; a La Grande Onda, Le Amiche del Museo Correale, Completamente, Liceo Marone di Meta per la creazione del Sentiero delle Querce sul Parco dei Monti Lattari; all’associazione Primaurora per l’impegno nel Parco del Vesuvio; all’Associazione nazionale Animali Natura Ambiente per interventi di giardinaggio al Vomero e a Chiaia e di divulgazione naturalistica al Parco Vergiliano; a Fernanda Petrone per la Masseria Melofioccolo; alla Cooperativa San Nicola da Tolentino; a Casaforte S.B per la messa a dimora di alberi ai Quartieri Spagnoli; alla Masseria Antonio Esposito Ferraioli, bene confiscato alla camorra; a Rosaria Coronella, Secondo Circolo Didattico di Acerra, per la creazione di un orto con il coinvolgimento dei genitori degli alunni; a Marina Meluccio per la cura dell’Aiuola di Gelsomina a Fuorigrotta.