MILANO - Piazza Duomo: addio palme e banani, arrivano rododendri e canfore

Il rinnovamento delle aiuole è curato da Oasi Zegna di Ermenegildo Zegna, che si è aggiudicata la gara per la sistemazione del piccolo giardino in centro città

gp milano duomo palme banani 2018 min

 

Nel 2017, non mancarono le polemiche quando in Piazza Duomo a Milano comparvero palme e banani. La sistemazione delle aiuole antistanti Palazzo Carminati, realizzata da Starbucks su un progetto del paesaggista Marco Bay, divise la metropoli lombarda tra sostenitori dell’iniziativa, che ne apprezzarono l’originalità, e detrattori che contestarono la mancanza di aderenza alla storia cittadina.

Ora si cambia. Dopo sette anni sono in via di rimozione le piante esotiche che lasceranno il posto a rododendri e canfore. È stata Oasi Zegna di Ermenegildo Zegna ad aggiudicarsi il bando per la sistemazione del piccolo giardino nel salotto più centrale di Milano. La partnership durerà tre anni e le aiuole saranno consegnate in occasione del Salone del Mobile (16-21 aprile). «Questo ambizioso progetto trae ispirazione dal dipinto del 1957 di Dino Buzzati, “Piazza del Duomo di Milano”, dal quale emerge uno stimolante dialogo tra città e natura e mira a promuovere il ruolo fondamentale di quest’ultima riflettendo sulle istanze contemporanee di sostenibilità», si legge in un comunicato di Ermenegildo Zegna Group.

Palme e banani, colpiti da un parassita, saranno portati nelle serre comunali per essere curati e in seguito ricollocati in terreni a loro favorevoli, individuati nei mesi scorsi da Palazzo Marino. La nuova veste prevede una struttura di base permanente composta da quattro boschetti di canfore a cespuglio disetanee e piante fiorite soggette a rotazione: rododendri dall’autunno alla tarda primavera e filadelfi nel resto dell’anno. Le due specie, secondo i progettisti, garantiranno la creazione di un habitat favorevole alla presenza di farfalle e insetti impollinatori. A fine ciclo le piante verranno ripiantate all’Oasi Zegna, sulle Alpi biellesi.

«L’aiuola di piazza Duomo è un piccolo ambito ma simbolico», ha dichiarato l’assessore al Verde, Elena Grandi, «e molto amato da cittadini e cittadine. È giusto che da qui parta il racconto del verde non più e non solo come ornamento estetico, ma anche e soprattutto per la sua funzione vitale nell’equilibrio ecosistemico».

Ora, nessuno discute il valore paesaggistico della canfora. Resta il fatto che in un volume del 2010, intitolato “La flora esotica lombarda” e curato da Enrico Banfi e Gabriele Galasso, due voci autorevoli in materia, alla voce falso canforo (Cinnamomum glanduliferum) si legge: nel passato questa specie era stata confusa con il vero canforo (C. canphora) di cui non è nemmeno certa la presenza colturale nel nostro territorio…

Michele Mauri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 


 

Il Floricultore testata newsletter prova01 min

Per ricevere le ultime notizie del settore direttamente nella tua casella di posta elettronica iscriviti alla Newsletter de «Il Floricultore»

 


 

 il floricultore campagna abbonamenti min

 


Michele Mauri

Scrivere è il mio mestiere da trent’anni, ma ho ancora molto da imparare. Collaboro con diverse testate e ho pubblicato saggi, guide naturalistiche e un romanzo. Amo gli alberi e i giardini poco pettinati. Credo nel potere del verde come antidoto al brutto e non vorrei mai rinunciare alla gioia di correre a perdifiato in un bosco.

 

 >> La redazione de Il Floricultore <<

       

florpagine banner rullo 202404

banner campagna abbonamenti 202012

IlFloricultore 20240506 min

Abbonarsi a IL FLORICULTORE conviene

florpagine banner 2020 min