Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

api neonicotinoidi ue cover min 

 

Api, pesticidi neonicotinoidi:

l’Ue estende il divieto

 

Potranno essere usati solo in serra, senza entrare in contatto con api e insetti impollinatori. L'Italia ha votato a favore

 

  di Michele Mauri

 

Il Comitato permanente dell’UE su piante, animali, cibi e mangimi (Paff Committees) ha approvato il 27 aprile scorso a Bruxelles la proposta della Commissione europea di estendere il campo d’applicazione del divieto di tre pesticidi della classe dei “neonicotinoidi” (Imidacloprid, Clothianidin e Thiamethoxam), proibendone ogni uso esterno in tutto il territorio dell’Unione; già nel 2013 erano state imposte restrizioni su determinate colture e in determinati periodi dell’anno.

La conferma dei potenziali rischi per le api derivanti da questi pesticidi, comunicata dall’EFSA - l’Autorità Europea per la sicurezza alimentare lo scorso mese di febbraio, ha indotto a rafforzare il divieto: ora sarà possibile continuare a usarli solo nelle serre.

A favore della proposta hanno votato 16 Stati membri: Germania, Estonia, Irlanda, Grecia, Spagna, Francia, Cipro, Italia, Lussemburgo, Malta, Olanda, Austria, Svezia, Slovenia, Portogallo e Regno Unito. Solo quattro i Paesi contrari: Repubblica ceca, Danimarca, Ungheria e Romania, mentre si sono astenuti i restanti otto: Bulgaria, Belgio, Croazia, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovacca, Finlandia.

La restrizione ora dovrà essere adottata formalmente dalla Commissione europea nelle prossime settimane per entrare in vigore entro la fine dell’anno.

Molte le reazioni favorevoli, da Greenpeace a Coldiretti, da Avaaz, una delle associazioni che ha raccolto firme a sostegno dello stop, a Slow Food. Di parere contrario Bayer, produttore di Imidacloprid e Clothianidin, mentre Thiamethoxam è della Syngenta: secondo la multinazionale gli agricoltori europei si vedono così ridotta la capacità di far fronte a importanti parassiti, per molti dei quali non esisterebbero trattamenti alternativi.

Tutti gli aggiornamenti a seguire su questo link: ec.europa.eu/neonicotinoids

 

#BEESAFE, il commento 

A come ape. Tutto comincia da lì. La prima parola che milioni di italiani imparano a scrivere, da generazioni. Sarà anche per questo che si avverte un forte disagio ogni volta che si sente parlare della minaccia che incombe su questi insetti. Senza che ce ne accorgiamo, stanno morendo a miliardi e la nostra catena alimentare è a rischio.

Le api non si limitano a fare il miele: sono una forza lavoro immensa e umile, che impollina circa due terzi delle piante che coltiviamo. Dunque è difficile non schierarsi a fianco dell’Ue, che ha deciso di tutelare con più vigore questi preziosi insetti, considerati un termometro della salute dell’ecosistema Terra.

 

 

api neonicotinoidi ue min

L'infografica apparsa sui profili Twitter della Commissione Europea e dell'Efsa

 

DONT MISS