Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

kew gardens temperate house aerea foto copyright Royal Botanic Gardens Kew min

 

Londra: riaperta ai Kew Gardens

la più grande serra vittoriana del mondo

 

Dopo un imponente restauro, la Temperate House dallo scorso 5 maggio accoglie di nuovo il pubblico: giusto in tempo per organizzare la visita in occasione del Chelsea Flower Show (22-26 Maggio)

 

I Kew Gardens di Londra hanno riaperto la Temperate House, la più grande serra vittoriana del mondo, dopo un restauro durato cinque anni e costato 41 milioni di sterline. Un intervento colossale durante il quale stati sostituiti 15.000 pannelli di vetro e impiegati 5280 litri di pittura per riportare all’originale candore la meravigliosa architettura.

Questo tempio della botanica – costruito fra il 1860 e il 1863 e completato nel 1900 – ora ospita una collezione di 10.000 piante provenienti dalle zone temperate di tutto il mondo. Tra di esse figurano anche alcuni degli esemplari più rari e minacciati. È il caso, ad esempio, della rarissima Encephalartos woodii, una pianta che è scomparsa dal mondo selvatico e ora si trova esclusivamente nei giardini botanici e nelle collezioni private. 

È soprannominato “l’albero più solitario del mondo” poiché sono rimasti solo esemplari maschili: ognuno è un clone di quello accolto a Kew a metà del XIX secolo. Com’è noto alcune piante racchiudono parti sia maschili che femminili, mentre questa specie richiede una femmina per produrre semi.

 

kew gardens temperate house interno foto copyright Foto Royal Botanic Gardens Kew min

 

Scott Taylor, supervisor della Temperate House, ha spiegato che si sta ancora cercando in natura una femmina di Encephalartos woodii. Ma soprattutto ha sottolineato l’importanza di conservare presso questa gigantesca serra – che occupa una superficie di quasi 5.000 metri quadrati e nel suo punto più alto raggiunge i 19 metri di altezza – tutte le piante più a rischio al mondo. «Svolgiamo un lavoro davvero importante», ha detto Taylor alla BBC, «perché quando sopravvivono solo pochi esemplari in natura basta un incendio violento o un terremoto e si perde per sempre l’intera specie».

 

kew gardens temperate house particolare foto copyright Royal Botanic Gardens Kew min

DONT MISS