Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

Banner_alto_1

aromatiche foto copyright Yasonya shutterstock min

 

Mix di aromatiche in vaschette o in vaso,

prevale l’IVA più alta

 

È quanto precisato dall’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione 51/E del 21 maggio scorso

 

In risposta a una specifica consulenza giuridica, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che in caso di cessione di un misto di erbe aromatiche assoggettate a differenti aliquote Iva, senza che nessun prodotto predomini per quantità e volume sugli altri, va applicata quella più alta prevista tra i diversi componenti. L’aliquota è ordinaria se tra le spezie ne risulta una sottoposta a tale tassazione.

Lo stesso criterio vale per il vassoio con più vasetti di piantine ornamentali o da coltivare poste in vendita in genere da orticoltori, vivaisti e floricoltori. L’aliquota è del 10% se le piante vendute sono quelle elencate al numero 20), della Tabella A, parte III, allegata al Dpr 633/1972, mentre, anche in questo caso, entra in gioco l’aliquota più alta se i vasetti che compongono il vassoio sono assoggettati a differenti tassazioni.

 

PER SAPERNE DI+

https://www.fiscooggi.it/rubrica/normativa-e-prassi/articolo/al-misto-spezie-laliquota-iva-dellaroma-che-primeggia-sugli 

DONT MISS

Seguici sui social

     

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità dal mondo della floricoltura

iscriviti