PNRR - Coltiviamo in Italia alberi e arbusti: l’appello di Assofloro

Sono sempre più numerose le richieste volte a soddisfare le attività di forestazione e riforestazione scaturite dal PNRR. L’associazione guidata da Nada Forbici sollecita maggiore collaborazione fra istituzioni e mondo vivaistico per mettere sul mercato la pianta giusta, in salute e controllata dal punto di vista fitosanitario, con la garanzia di provenienza certificata

fn pnrr appello assofloro vivai min

 

Crescono i progetti di forestazione e riforestazione sostenuti da bandi pubblici e da soggetti privati, grazie anche agli impulsi ricevuti dal PNNR. E crescono le richieste di piante. Il mercato è in difficoltà e non sempre riesce a soddisfare tempestivamente la domanda. Assofloro, l’associazione nazionale attiva nel settore del florovivaismo e del paesaggio, è scesa in campo con una proposta concreata: piante italiane, coltivate da aziende italiane sul territorio nazionale, con il contributo dei vivai privati che possono moltiplicare la capacità produttiva dei vivai regionali da cui proviene il materiale certificato utilizzato per le forestazioni.

fn Assofloro Nada Forbici confermata presidente 2022 min

«Il sistema imprenditoriale florovivaistico non intende perdere l’importante opportunità data dal PNRR in materia di forestazione», spiega Nada Forbici (nella foto a sinistra), presidente di Assofloro, «ma è certo che sarà così se non ci sarà una corretta concertazione tra le istituzioni e il mondo produttivo». Il Ministero dell’Ambiente ha scelto di fare coltivare la prima tranche di alberi che andranno piantati entro dicembre 2022 a un unico vivaio regionale. «Possiamo comprendere la decisione in questa fase di avvio dei progetti forestazione», continua Forbici, «ma certo non possiamo accettare che questa diventi la soluzione per le piante che andranno messe a dimora entro il 2024 e poi il 2026. E neppure accettiamo che le piante vengano coltivate da vivai d’Oltralpe con i nostri semi, come pare stia accadendo».

Per fare questo, sottolinea Assofloro, è necessario iniziare da subito a pianificare le coltivazioni in collaborazione con i Centri Nazionali Biodiversità dei Carabinieri, che detengono i materiali di propagazione di qualità e di provenienza certa, e con i vivai regionali, che hanno esperienza e capacità in termini di germinazione e prima coltivazione delle giovani piante. L’associazione propone inoltre di concertare con questi ultimi l’azione di accrescimento da sviluppare nei centri produttivi privati. «In questo modo», conclude Nada Forbici, «potremo mettere velocemente sul mercato la pianta giusta, in salute e controllata dal punto di vista fitosanitario, con la garanzia di provenienza certificata».

 


 

ADVERTISEMENT

 


 

Il Floricultore testata newsletter prova01 min

Per ricevere le ultime notizie del settore direttamente nella tua casella di posta elettronica iscriviti alla Newsletter de «Il Floricultore»

 


 

 il floricultore campagna abbonamenti min

 


 

       

florpagine banner rullo 202201

banner campagna abbonamenti 202012

IlFloricultore20221112

Abbonarsi a IL FLORICULTORE conviene

florpagine banner 2020 min

NEWSLETTER

* campi obbligatori

ACCETTAZIONE PRIVACY

Dichiaro di aver preso visione dell’Informativa sulla privacy fornita ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo EU 679/2016 e di accettare le modalità di utilizzo dei miei dati per le finalità indicatemi nell’informativa stessa.

 

ADVERTISEMENT

ADVERTISEMENT

ADVERTISEMENT