Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

trattore vivai piante min

 

Macchine agricole 2018:

non c’è stata l’onda lunga

 

Esaurito l'effetto crescita spinto dalla "Mother Regulation", il mercato è tornato sui livelli di due anni fa

 

I più prudenti l’avevano previsto: l’impennata delle immatricolazioni di trattrici nel 2017 – un balzo del 23,8% – è stato favorito in larga parte dallo smaltimento degli stock in giacenza prima dell’entrata in vigore della nuova normativa comunitaria sulle omologazioni, a regime dall’inizio del 2018.

Passato l’effetto della cosiddetta “Mother Regulation” (il Regolamento Ue 167/2013) le vendite si sono riportate sui livelli precedenti: le immatricolazioni a fine 2018 sono pari a 18.442, in calo del 18,8%, e si allineano con il dato del 2016 quando il consuntivo indicava un totale di 18.341 unità.

Il calo più sensibile è stato quello delle trattrici con pianale di carico (motoagricole) che nel 2018 segnano un passivo del 34,6% e un numero di unità vendute inferiore anche al dato 2016. Più contenuta la flessione per le mietitrebbiatrici (-6,9%) e i rimorchi (-2,4%). I dati, elaborati da FederUnacoma sulla base delle registrazioni fornite dal Ministero dei Trasporti, rivelano per il 2018 un mercato complessivamente debole, con decrementi particolarmente accentuati per quanto riguarda le trattrici in regioni importanti come l’Emilia Romagna (-32,6%), il Veneto (-25%), il Piemonte (-28%) e il Lazio (-26,7%).

L’onda lunga della crescita auspicato da molti osservatori dunque non c’è stata. Del resto il settore ha alle spalle annate difficili caratterizzate dalla costante diminuzione del numero delle aziende operanti, un trend che dura da tempo e che solo una nuova politica agricola potrebbe arrestare.

Per ora a supporto prosegue l’erogazione dei fondi comunitari relativi ai piani di sviluppo rurale PSR, a cui si aggiungono i 35 milioni di euro stanziati dall’INAIL per l’acquisto di macchine con elevati standard di sicurezza. Il bando per i finanziamenti gestito dall’Istituto è infatti stato rinnovato e prevede contributi a fondo perduto, dal 40 al 50% della spesa complessiva, per l’acquisto, o anche il noleggio con patto d’acquisto, di trattori agricoli o forestali e di macchine agricole di varia tipologia. Le domande da parte delle imprese agricole potranno essere compilate on-line dall’11 aprile prossimo sino al 30 maggio. Dal successivo 6 giugno sarà infine possibile scaricare il codice identificativo delle domande e conoscere le date per l’invio definitivo delle stesse.

 


 

myplant 2019 banner articoli 744x135px

 

DONT MISS

Seguici sui social

     

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità dal mondo della floricoltura

iscriviti