Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

Banner_alto_1

verde condominiale firma accordo assofloro anaci 2019

LA FIRMA | I presidenti di Assofloro, Nada Forbici, e Francesco Burrelli, presidente Anaci, lo scorso 25 Maggio a Perugia.

 

Verde in condominio: l’alleato

indispensabile per città più green

 

Assofloro e Anaci firmano un accordo per promuovere e valorizzare i giardini di pertinenza condominiale

 

Il verde condominiale rappresenta un’opportunità di grande valore, sia da un punto di vista ambientale, sia da un punto di vista economico e sociale. È questa la tesi che sostiene da tempo Assofloro, l’associazione presieduta da Nada Forbici, dallo scorso aprile 2019 diventata nazionale.

Un patrimonio diffuso, un capitale naturale che, se riqualificato e incentivato, può fornire un contributo importante alle politiche volte a rendere più vivibili le città e a contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici. La vegetazione urbana – pubblica e privata insieme – può abbattere fino al 3% di CO2 emessa dal traffico delle automobili e ridurre la temperatura da 1 a 3 gradi centigradi.

Gli innumerevoli benefici offerti dal verde cittadino sono stati ribaditi lo scorso 21 maggio a Firenze durante il convegno intitolato “Il verde in condominio - Gestione, regole, buone pratiche e l’opportunità del Bonus verde”, organizzato da Coldiretti Toscana, Anaci Firenze, Assofloro e Fondazione Symbola, con il patrocinio del Comune di Firenze e di Anci Toscana.

Solo pochi giorni dopo, il 25 maggio, a Perugia, Francesco Burrelli, presidente Anaci e Nada Forbici, presidente di Assofloro, hanno firmato un Protocollo d’intesa per avviare attività congiunte di promozione del verde di qualità, di diffusione delle buone pratiche di gestione, di informazione e formazione per Amministratori condominiali rispetto all’importanza del verde.

L’accordo apre la strada a un nuovo modo di guardare al verde condominiale e più in generale a quello privato, che insieme alla rete di parchi e giardini pubblici e di alberature stradali concorre a formare la cosiddetta “foresta urbana”.

I firmatari del Protocollo hanno fatto sapere che verrà istituito a breve un tavolo di lavoro permanente per produrre linee guida e documenti di indirizzo volti ad una migliore gestione del verde condominiale.

Seguici sui social

     

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità dal mondo della floricoltura

iscriviti