Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

hampton court giardino foto copyright nunziata ilfloricultore IMG 0252 1 min

 

UK: luci e ombre del verde di Sua Maestà

 

Negli ultimi 25 anni sono state costruite un milione di case senza un giardino privato. Eppure si stima che nel 2017 il verde nel Regno Unito ha concorso a migliorare la qualità dell’aria per un valore economico di 1,1 miliardi di sterline e ha evitato 1.900 morti per inquinamento

 

Un report condotto dall’Oxford Economics, uno dei più importanti enti di previsioni, ha tracciato un preciso identikit dell’orticoltura ornamentale e del paesaggismo nel Regno Unito, partendo dal suo peso sul Pil, pari a 24,2 miliardi di sterline (27,16 mld €) nel 2017. Se la cifra è importante, tuttavia il verde pare essere preso sempre meno in considerazione dal Governo d’Oltremanica. Per esempio, nonostante la vicinanza di parchi, giardini e spazi verdi contribuisca a far salire sensibilmente i prezzi degli immobili, ora un quarto delle nuove case non ha un giardino e, malgrado il settore generi 568.700 posti di lavoro, il florovivaismo non è annoverato tra i comparti da sostenere. Inoltre, anche se genera entrate per il governo di Sua Maestà pari a 5,4 miliardi di sterline (6,06 mld €), non è supportato da adeguati incentivi.

Eppure valorizzare verde e paesaggio risulterebbe vitale per l’economia, la salute e l’ambiente. Basti pensare che nel Regno Unito 25 milioni di persone visitano settimanalmente parchi, giardini e aree rurali, che il turismo verde vale 2,9 miliardi di sterline (3,26 mld €), portate per il 76% da visitatori esteri, e che metà della popolazione adulta si dedica al giardinaggio ogni settimana, tanto che nel 2017 la spesa delle famiglie britanniche per il giardinaggio ha raggiunto 7,5 miliardi di sterline (8,42 mld €). (M.M.)

 

[Tratto da IL FLORICULTORE, Dicembre 2018]

© RIPRODUZIONE RISERVATA

  

DONT MISS

Seguici sui social

     

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità dal mondo della floricoltura

iscriviti