Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

Studio italiano svela come le leguminose migliorano la fertilità dei terreni

fagiolo foto copyright Fleuroselect min

 

L'indagine del Cnr-Ibbr di Napoli, pubblicata su "New Phytologist", fa luce sul funzionamento del nodulo radicale che permette alle piante di convertire l'azoto atmosferico in ottimi nutrienti

 

L’unione fa la forza. Anche quando gli elementi che si alleano di solito non sono visti come amici l’uno dell’altro. Nei vegetali, ad esempio, l’invasione di batteri può dare origine a uno stato di malattia, ma non è sempre così. Alcune volte la simbiosi può avere addirittura effetti benefici. È il caso del rizobio, un batterio che vive nei terreni e che quando s’insedia nelle radici delle leguminose – quali pisello, soia o trifoglio – sviluppa la particolare abilità di fissare l’azoto atmosferico attraverso la formazione di noduli.

Di recente, uno studio dell’Istituto di bioscienze e biorisorse del Consiglio nazionale delle ricerche di Napoli (Cnr-Ibbr) coordinato da Maurizio Chiurazzi ha permesso di identificare un nuovo meccanismo di controllo per il corretto funzionamento di questo nodulo azoto-fissatore. La ricerca, pubblicata dalla rivista New Phytologist, illustra in particolare il ruolo fondamentale svolto da uno specifico trasportatore che posiziona il nitrato all’interno dell’organo radicale.

In apparenza potrebbe sembrare una scoperta di impatto limitato, invece le sue possibili conseguenze sono di portata eccezionale. Una migliore comprensione dei meccanismi che consentono a questa interazione simbiotica di assorbire l’azoto nell’aria e di rilasciarlo nei terreni coltivati per remineralizzarli può infatti fornire un assist importante all’agricoltura sostenibile.

«L’eccessiva fertilizzazione del terreno attraverso la concimazione», spiega Chiurazzi, «inquina l’ambiente poiché soltanto una parte dell’azoto rilasciato in questo modo viene assimilato dalle piante, mentre il resto rimane nel suolo e i microorganismi presenti lo trasformano in prodotti che sono fonte di gravi contaminazioni di falde acquifere e atmosfera. Proprio il contrario di ciò che accade con la fertilizzazione biologica dei suoli legato alle coltivazioni di leguminose».

Tale prassi è ancora largamente sottoutilizzata in agricoltura, sebbene già nell’antichità se ne conoscessero i benefici. Basti ricordare che fin dal primo secolo a.C. i Romani ricorrevano al sovescio, una pratica che consiste nel sotterrare allo stato fresco le leguminose appositamente coltivate per arricchire di azoto il terreno.

«Al momento», conclude il ricercatore del Cnr-Ibbr di Napoli, «le piantagioni di leguminose, come nel caso della soia, sono per lo più convogliate verso la produzione di mangimi per gli allevamenti animali, che a loro volta rappresentano un’importantissima fonte di contaminazione ambientale. La fertilizzazione biologica andrebbe dunque associata a una strategia globale mirata a incentivare la biodiversità di tali colture e il loro utilizzo nella dieta umana».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

  


  

  ARTICOLI CORRELATI

 

università la sapiensa algoritmo Arabidodopsis 1 1 minUn algoritmo per capire le piante

 

 

 


 

Agrumi foto copyright AlessandraQuagliarella minRicerca: ecco Noemi, il gene che addolcisce gli agrumi

 

 

 


ricerca fiori blu agrumi minFiori + blu, agrumi + aspri: sono responsabili gli stessi geni

 

 


mozziconi sigarette aeroporto capodichino foto copyright EìN Il Floricultore Agrital Editrice minFiori dai mozziconi? L'Italia lancia la sfida

 

 

 


Drosera capensis minDallo studio delle piante carnivore nuovi materiali per la robotica leggera

Si chiama biomimetica, è una branca della tecnologia ispirata dalla natura. Soluzioni innovative “copiate” da un fenomeno biologico, come il caso dei metamateriali creati da ricercatori dell’Università degli Studi di Milano

 

 


georgofili nasa761La coltivazione delle piante nello spazio, un futuro possibile e necessario

In vista delle prossime missioni interplanetarie le piante potranno ricoprire un duplice ruolo strategico per la vita a bordo delle navicelle spaziali: rigenerare l'aria e fornire alimenti vegetali per integrare la dieta degli astronauti

 

 


promo abbo 202003 ok

       

coronavirus speciale notizie Il Floricultore Agrital Editrice min

erba vasi 2020 green pop banner floric

florpagine banner rullo 202001 OK

Abbonarsi a IL FLORICULTORE conviene

Myplant banner 20206 il floricultore 360x135px

Prossimi Appuntamenti

IlFloricultore20200708 min

florpagine banner 2020 min

NEWSLETTER

* campi obbligatori

ACCETTAZIONE PRIVACY

Dichiaro di aver preso visione dell’Informativa sulla privacy fornita ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo EU 679/2016 e di accettare le modalità di utilizzo dei miei dati per le finalità indicatemi nell’informativa stessa.

 

georgofili 2020 ok min