Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

cnr alberi anelli min

 

Negli anelli degli alberi la storia del Pianeta

 

Una ricerca pubblicata su «Nature Communications» rivela le connessioni tra gli eventi atmosferici e le tracce lasciate nei tronchi delle piante a livello globale

 

Gli anelli degli alberi di tutta la Terra sono sincronizzati tra di loro. È stato dimostrato da una ricerca internazionale pubblicata su «Nature Communications”, condotta da 67 scienziati, tra cui due italiani: Mauro Bernabei dell’Istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ivalsa) di San Michele all’Adige (TN) e Marco Carrer dell’Università di Padova.

 

cnr alberi COSMIC network min

 

Gli studiosi hanno svolto un’analisi dendrocronologica – ossia che mira a datare un evento atmosferico attraverso lo studio delle correlazioni tra gli accrescimenti degli alberi – di due eventi straordinari: il primo registrato nel 774 d.C., il secondo nel 993 d.C. In entrambi quegli anni si verificò un rapido aumento della concentrazione atmosferica di radiocarbonio (14C), pari a circa venti volte il tasso consueto. Inoltre, ci fu anche un aumento della concentrazione dell’isotopo del Berillio (10BE) nelle carote di ghiaccio dell’Antartide. Il picco è stato datato analizzando piante di Cryptomeria japonica, un albero giapponese.

Finora la comunità scientifica non sapeva con certezza se tali eventi fossero stati globali. Grazie a questa ricerca, denominata COSMIC, è stato fugato ogni dubbio. Analizzando gli anelli del legno provenienti da alberi viventi, legni storici, scavi archeologici e resti fossili appartenenti a 27 specie provenienti da cinque continenti, è stato possibile accertare che l’anomalo aumento di radiocarbonio verificatosi in quei due anni ha interessato tutto il Pianeta.

Questo studio comparativo conferma la precisione della datazione dendrocronologica e offre spunti importanti per le ricerche in campo climatico e ambientale nonché per la comprensione degli eventi cosmici del passato e la valutazione di quelli futuri.

 


DONT MISS