Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  consulta la pagina sulla privacy.
Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

 

A Roma si sperimenta l’orto hi-tech per coltivare sulla Luna

enea orto luna cover min

 

Il progetto V-GELM, che coinvolge ricercatori ENEA e un team di studenti universitari, avrà quale teatro dei test il Centro Ricerche Casaccia, presso il lago di Bracciano

 

Ci vorrebbe tutta la fantasia di un romanziere come Jules Verne per immaginare di coltivare micro-verdure sulla Luna o in ambienti estremi come quelli polari. E forse non basterebbe neppure quella. Talvolta, però, sappiamo che la realtà arriva a superare perfino l’immaginazione. È il caso dell’orto high-tech allestito all’interno di una speciale “serra igloo” progettata per resistere a temperature molto basse.

La sfida lanciata da V-GELM (Virtual Greenhouse Experimental Lunar Module) – questo è il nome del progetto sperimentale – è di quelle che spostano più in là le ambizioni del genere umano. Il programma che animerà dal 10 al 19 luglio il Centro Ricerche Casaccia, il più grande complesso di laboratori dell’ENEA posto a nord-ovest di Roma, ha come obiettivo di sviluppare un modulo di coltivazione lunare coniugando tecniche idroponiche innovative a esperimenti virtuali per supportare la vita degli astronauti nelle future missioni di lungo periodo.

enea orto luna 02 Corridoioaccessoserralunarerealtavirtuale min

Corridoio di accesso alla serra lunare creato in realta virtuale

 

enea orto luna 01 Moduloserralunarerealtavirtuale min

Interno del modulo serra lunare creato in realtà virtuale

 

enea orto luna 03 RicostruzionevirtualecrescitamicroverdureprototipoHort3 min

Ricostruzione virtuale della crescita delle microverdure nel prototipo Hort3

 

Partecipano al programma un team composto di ricercatori ENEA e di studenti del Centro Interdipartimentale Territorio Edilizia Restauro Ambiente (CITERA) e delle Università Sapienza di Roma e della Tuscia. 

V-GELM è stato selezionato tra i migliori progetti condotti da team universitari di tutto il mondo nell’ambito della missione IGLUNA 2020 dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Si articola in due fasi: la prima ha impegnato studenti e ricercatori, in collaborazione con Mars Planet Society, nella progettazione degli spazi tramite tecniche di realtà virtuale. Nella seconda entrerà in campo – ed è proprio il caso di dire così – l’innovativo orto dell’ENEA dove sarà saggiata la coltivazione idroponica di due particolari varietà di ravanello, Daikon e Rioja. All’interno di una particolare tenda denominata “EGG” per la sua particolare forma a uovo, realizzata dall’Università degli Studi di Milano, le micro-verdure raggiungeranno lo stadio di crescita ideale alla consumazione nel giro di 10-15 giorni.

«Si tratta di un sistema di coltivazione fuori suolo con riciclo di acqua, senza l’utilizzo di pesticidi e di agrofarmaci», spiega Luca Nardi del Laboratorio Biotecnologie ENEA, «in grado di garantire ai membri dell’equipaggio impegnato nelle missioni spaziali cibo fresco di alta qualità e corretto apporto nutrizionale senza dimenticare il beneficio psicologico dato dalla crescita delle piante in ambienti confinati, come quelli delle future basi extraterrestri o anche in ambienti estremi, come i deserti caldi e freddi».

Torneremo sulla Luna? Invieremo equipaggi su Marte? Se sì, è molto probabile che lo faremo con un occhio più attento alla sostenibilità. E le piante a tal riguardo giocheranno un ruolo centrale.

Michele Mauri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

  


 

  ARTICOLI CORRELATI

 

enea esa orto spaziale minInsalata made in Italy in orbita nello spazio


 

Agrumi foto copyright AlessandraQuagliarella minRicerca: ecco Noemi, il gene che addolcisce gli agrumi

 

 

 


ricerca fiori blu agrumi minFiori + blu, agrumi + aspri: sono responsabili gli stessi geni

 

 


mozziconi sigarette aeroporto capodichino foto copyright EìN Il Floricultore Agrital Editrice minFiori dai mozziconi? L'Italia lancia la sfida

 

 

 


Drosera capensis minDallo studio delle piante carnivore nuovi materiali per la robotica leggera

Si chiama biomimetica, è una branca della tecnologia ispirata dalla natura. Soluzioni innovative “copiate” da un fenomeno biologico, come il caso dei metamateriali creati da ricercatori dell’Università degli Studi di Milano

 

 


georgofili nasa761La coltivazione delle piante nello spazio, un futuro possibile e necessario

In vista delle prossime missioni interplanetarie le piante potranno ricoprire un duplice ruolo strategico per la vita a bordo delle navicelle spaziali: rigenerare l'aria e fornire alimenti vegetali per integrare la dieta degli astronauti

 

 


promo abbo 202003 ok

Michele Mauri

Scrivere è il mio mestiere da trent’anni, ma ho ancora molto da imparare. Collaboro con diverse testate e ho pubblicato saggi, guide naturalistiche e un romanzo. Amo gli alberi e i giardini poco pettinati. Credo nel potere del verde come antidoto al brutto e non vorrei mai rinunciare alla gioia di correre a perdifiato in un bosco.

 

 >> La redazione de Il Floricultore <<

       

coronavirus speciale notizie Il Floricultore Agrital Editrice min

PSENNER 201002 Il Floricultore StarAcademy Webbanner

opiflor ott 2020 fioristica con emozione

florpagine banner rullo 202008

IlFloricultore20201011 min

Abbonarsi a IL FLORICULTORE conviene

Myplant banner 20206 il floricultore 360x135px

florpagine banner 2020 min

NEWSLETTER

* campi obbligatori

ACCETTAZIONE PRIVACY

Dichiaro di aver preso visione dell’Informativa sulla privacy fornita ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo EU 679/2016 e di accettare le modalità di utilizzo dei miei dati per le finalità indicatemi nell’informativa stessa.

 

georgofili 2020 ok min