Cambiamenti climatici: ci salveranno le “piante pallide”?

tb ricerca piante cambiamenti climatici

 

Secondo una ricerca italiana del CNR e dell’Università di Verona, per contenere l’effetto serra dovremo coltivare vegetali con bassi contenuti di clorofilla, capaci di riflettere più radiazione solare

 

Qualche anno fa il dito è stato puntato contro i bovini, ritenuti responsabili di un’altissima percentuale delle emissioni globali ad effetto serra. Ora sotto la lente passano le piante troppo verdi. Detta così, suona male. Eppure è quanto emerge dall’opinion paper – viene così definito un punto di vista personale seppure autorevole correlato a una specifica ricerca destinata a informare e stimolare un dibattuto – pubblicata sulla rivista Global Change Biology.

tb ricerca piante cambiamenti climatici02

I ricercatori Lorenzo Genesio e Franco Miglietta (Istituto per la bioeconomia del Cnr) e Roberto Bassi (Università di Verona) affermano che l’avvento di una nuova generazione di piante a basso contenuto di clorofilla potrebbe essere un’arma in più nella lotta al cambiamento climatico.

tb ricerca piante cambiamenti climatici03«Una strategia utile a controbilanciare una parte del crescente effetto serra», spiega Lorenzo Genesio, «è quella di aumentare la frazione della luce solare che viene riflessa dalla superficie terrestre che, tornando indietro verso lo spazio, non contribuisce al suo riscaldamento. Questo risultato potrà essere ottenuto anche coltivando nuove piante con bassi contenuti di clorofilla; piante più “pallide” che riflettono molta più radiazione solare».

«In sintesi», chiarisce Franco Miglietta, «coltivare varietà di piante più pallide (di grano, orzo, mais, soia) equivale a ridurre le emissioni di gas climalteranti, con un effetto di riduzione delle temperature a scala locale nelle zone più densamente popolate».

Non solo, secondo il comunicato stampa diramato dal Cnr per annunciare la notizia, alcune ricerche, che si aggiungono a quelle fatte dagli autori in questione, dimostrerebbero che riducendo il contenuto di clorofilla, oltre a riflette più luce solare, si può arrivare ad avere tassi di fotosintesi più alti e maggiore produttività.

Non resta che attendere gli approfondimenti. Un dubbio però s’impone fin d’ora. Se oggi si considera sempre più urgente e necessario includere nelle ricerche volte a migliorare le caratteristiche produttive delle piante il principio della sostenibilità, come si concilia l’obiettivo di una maggiore produttività proprio tra quelle colture come mais o soia che sono comunemente impiegate nelle tecniche intensive?

Michele Mauri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

  


  

  ARTICOLI CORRELATI

 

università la sapiensa algoritmo Arabidodopsis 1 1 minUn algoritmo per capire le piante

 

 

 


 

Agrumi foto copyright AlessandraQuagliarella minRicerca: ecco Noemi, il gene che addolcisce gli agrumi

 

 

 


ricerca fiori blu agrumi minFiori + blu, agrumi + aspri: sono responsabili gli stessi geni

 

 


mozziconi sigarette aeroporto capodichino foto copyright EìN Il Floricultore Agrital Editrice minFiori dai mozziconi? L'Italia lancia la sfida

 

 

 


Drosera capensis minDallo studio delle piante carnivore nuovi materiali per la robotica leggera

Si chiama biomimetica, è una branca della tecnologia ispirata dalla natura. Soluzioni innovative “copiate” da un fenomeno biologico, come il caso dei metamateriali creati da ricercatori dell’Università degli Studi di Milano

 

 


georgofili nasa761La coltivazione delle piante nello spazio, un futuro possibile e necessario

In vista delle prossime missioni interplanetarie le piante potranno ricoprire un duplice ruolo strategico per la vita a bordo delle navicelle spaziali: rigenerare l'aria e fornire alimenti vegetali per integrare la dieta degli astronauti

 

 


promo abbo 202003 ok

Michele Mauri

Scrivere è il mio mestiere da trent’anni, ma ho ancora molto da imparare. Collaboro con diverse testate e ho pubblicato saggi, guide naturalistiche e un romanzo. Amo gli alberi e i giardini poco pettinati. Credo nel potere del verde come antidoto al brutto e non vorrei mai rinunciare alla gioia di correre a perdifiato in un bosco.

 

 >> La redazione de Il Floricultore <<

       

banner speciale legge florovivaismo banner min

florpagine banner rullo 202404

banner campagna abbonamenti 202012

IlFloricultore 20240506 min

Abbonarsi a IL FLORICULTORE conviene

florpagine banner 2020 min